Nintendo Switch OLED: 20 giochi a confronto con il modello base

Nintendo Switch OLED: 20 giochi a confronto con il modello base

Kevin Kenson, uno degli YouTuber più attivi sulla scena console Nintendo, ha ricevuto da qualche giorno in anteprima un Nintendo Switch modello OLED nuovo di zecca, e sta realizzando una serie di video di approfondimento, partendo dal semplice unboxing all’analisi tecnica e al confronto. Quello disponibile sulla piattaforma a partire da oggi è uno dei più interessanti, dato che ci permette di vedere con i nostri occhi la differenza fra il normale schermo del modello base di Nintendo Switch (2019) e il nuovo modello OLED. Le console sono state testate con 20 fra i titoli più famosi disponibili sull’ibrida della casa di Kyoto, fra cui The Legend of Zelda: Breath of the Wild e Link’s Awakening, Mario Kart 8 Deluxe, Super Mario Odyssey, DRAGON QUEST XI S, Animal Crossing: New Horizons, ma anche indie del calibro di Undertale e Hades.

Come potete notare voi stessi, su Nintendo Switch OLED i giochi denotano colori più accesi e contrasti più elevati, con neri decisamente più intensi che rendono l’immagine più vivida che mai. La cornice dello schermo, assottigliata notevolmente, permette allo schermo di ingrandirsi raggiungendo i 7 pollici.

Vi ricordiamo che Nintendo Switch OLED sarà disponibile dal prossimo 8 ottobre in tutto il mondo in due varianti, una con Joy-Con e dock di colore bianco, l’altra con i classici rosso e azzurro neon e dock nera. Quale vi piace di più?

The Switch OLED Difference – 20 Games Tested

Fonte: Kevin Kenson

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*