Utawarerumono Zan annunciato per PlayStation 4

Utawarerumono / Utawarerumono Zan

Come promesso la scorsa settimana, il nuovo numero di Famitsu ha ospitato tra le sue pagine anche l’annuncio di Utawarerumono Zan, new entry della popolare serie destinata ad approdare sulle PlayStation 4 nipponiche nel corso del 2018.

Descritto come action game, questo titolo rappresenta il primo di nuova serie di progetti a tema Utawarerumono. Utawarerumono Zan potrà contare su una modalità storia che vedrà anche la presenza di un tema principale eseguito dalla cantante giapponese Suara, e userà modelli dei personaggi in versione normale, non nel classico stile chibi.

I personaggi al momento confermati per il gioco sono quattro, ovvero Kuon, Haku, Nekone e Ougi.

AGGIORNAMENTO: grazie ad alcune nuove informazioni, è possibile scoprire qualche piccolo dettaglio ii più su questo nuovo titolo! Eccovi tutto quello che c’è da sapere al momento:

  • Naoya Shimokawa, presidente di AQUAPLUS, è il producer, mentre Tsutomu Washimi il director.
  • La grafica 3D sarà completamente nuova, e all’interno del gioco verranno inseriti quanti più personaggi possibile, che ovviamente gli utenti potranno poi controllare.
  • Le musiche saranno create sfruttando il concetto di “euforia”, e saranno in grado di rappresentare al meglio il lato action. In precedenza, le bgm erano realizzate con un sound più adatto a una pellicola cinematografica, mentre stavolta saranno più consone per un videogame.
  • Il doppiaggio offerto sarà realizzato appositamente per il titolo.
  • Lo scopo della compagnia è di creare modelli dei personaggi 3D che riescano a muoversi e a dare lo stesso feeling delle illustrazioni.

Fonte: Famitsu via Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile grazie al tuo supporto! Puoi iscriverti ai nostri canali social, condividere i nostri articoli tramite gli appositi link e fare passaparola fra i tuoi amici.

Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.