DRAGON QUEST I-II per Switch, ben più di un semplice porting

DRAGON QUEST HEROES I

DRAGON QUEST HEROES I-II, titolo disponibile al lancio giapponese di Nintendo Switch, sarà ben più di una semplice conversione dei due titoli. Oltre a comprendere in una singola cartuccia entrambi gli episodi della saga, SQUARE ENIX è intenzionata a introdurre dei miglioramenti rispetto alle versioni originali, svelando alcune novità alla NINTENDO SWITCH EXPERIENCE (uno speciale evento giapponese dalla durata di due giorni dove è stato possibile provare Switch) della scorsa settimana.

In primo luogo, verrà implementata la speciale tecnologia HD Rumble, consentendo di percepire una vibrazione diversa, per intensità e natura, a seconda del nemico colpito. Colpire uno Slime restituirà un feeling differente, ad esempio, di un più rigido Golem o di uno Slime metallico, consentendo di percepire la creatura anche se nascosta in mezzo ad altri avversari.

Anche se graficamente potrebbe non essere alla pari con l’edizione uscita per PS4, la release per Switch verrà perfezionata nel suo gameplay, con numerosi miglioramenti apportati tanto alla difficoltà del gioco quanto al suo bilanciamento. Quanto introdotto a tal riguardo in DRAGON QUEST HEROES II verrà, peraltro, applicato anche al suo predecessore, in modo da rendere omogenei i due titoli nonostante le loro differenze.

Verrà, infine, introdotto un nuovo personaggio giocabile, Ragnar McRyan da DRAGON QUEST IV e un nuovo avversario, Marloth da DRAGON QUEST II, nella veste di boss.

Fonte: SQUARE ENIX via Nintendo Everything

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Edgar85
Aspirante scrittore e nintendaro incallito, colleziona videogiochi e beve caffè da prima di iniziare a parlare. Le sue prime parole? “Mamma mia!” seguite da “Caffè!”.