Project Nimbus: Code Mirai annunciato per PlayStation 4

Project Nimbus: Code Mirai

GameTomo e Kiss hanno annunciato ufficialmente Project Nimbus: Code Mirai, in arrivo nei primi mesi del 2018 su PlayStation 4.

Si tratta di una versione riveduta e corretta di Project Nimbus, titolo attualmente in Early Access su Steam e che verrà rilasciato ufficialmente il 26 settembre. La versione PlayStation 4 sfrutterà l’Unreal Engine 4 per avere una grafica migliorata, una risoluzione maggiore e tante altre novità. A fine articolo troverete un trailer dedicato al gioco, nel frattempo vediamo insieme una breve panoramica.

Project Nimbus: Code Mirai – Panoramica

Porting di Project Nimbus, attualmente in Early Access su Steam. Per permettergli di sbarcare su PlayStation 4 la grafica è stata totalmente rinnovata grazie all’utilizzo dell’Unreal Engine 4. Ma questa versione non possiede solo una grafica migliore, il gioco è stato infatti ribilanciato, sono state aggiunte nuove azioni e l’interfaccia utente è completamente nuova!

Caratteristiche

  • Missioni ambientate in sedici diverse location, tra cui una città nel cielo, una prigione gigantesca e persino una base spaziale;
  • Tantissimi mecha e armi tra cui scegliere, tra cui i missili ad inseguimento automatico, spade laser, droni che attaccano in automatico e potentissimi cannoni;
  • Stile di combattimento accattivante grazie alla presenza di robot trasformabili e di tantissimi nemici da abbattere.

Project Nimbus: Code Mirai – Trailer

Fonte: GameTomo via Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Federico Schirru
Raro esemplare di panda sardo cresciuto a bambù e JRPG. Soffre di sindrome di Stoccolma nei confronti di SQUARE ENIX, ed è disposto a privarsi del sonno pur di spulciare all’inverosimile ogni titolo gli capiti fra le mani.