Kunio-kun: The World Classics Collection conterrà ben 15 titoli

Kunio-kun: The World Classics Collection conterrà ben 15 titoli

In seguito all’annuncio ufficiale di Kunio-kun: The World Classics Collection, avvenuto proprio durante la giornata di ieri, ARC SYSTEM WORKS torna subito all’attacco per rivelare quelli che saranno i titoli contenuti al suo interno.

In tutto i giochi offerti saranno quindici: 11 classici, a cui si affiancheranno anche altri 4 originariamente mai arrivati in Giappone. La lista completa è la seguente:

  • Downtown Nekketsu Koushinkyoku
  • Nekketsu Koukou Dodge Ball Bu
  • Nekketsu Kakutou Densetsu
  • Nekketsu! Street Basket
  • Nekketsu Koukou Dodge Ball Bu: Soccer Hen
  • Bikkuri Nekketsu Shinkiroku: Harukanaru Kin Medal
  • Kunio-kun no Nekketsu Soccer League
  • Ike Ike! Nekketsu Hockey Bu
  • Nekketsu Kouha Kunio-kun
  • Downtown Nekketsu Monogatari
  • Kunio-kun no Jidaigeki da yo Zen’in Shuugou!
  • Titolo Bonus: Renegade
  • Titolo Bonus: Super Dodge Ball
  • Titolo Bonus: River City Ransom
  • Titolo Bonus: Crash ‘n the Boys Street Challenge

Ciascuno di questi potrà contare su funzionalità online, sulla possibilità di personalizzare il proprio avatar e schermata di gioco ogni volta che avremo completato le svariate missioni offerte, e su alcuni elementi particolari che renderanno il tutto, in un certo senso, rigiocabile.

Kunio-kun: The World Classics Collection è atteso in Giappone su PlayStation 4, Xbox One, Nintendo Switch e PC nel corso del 2018.

Vi lasciamo al primo trailer del gioco.

Kunio-kun: The World Classics Collection – Trailer

Fonte: ARC SYSTEM WORKS via Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Roberto Fuccini
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.