Hatsune Miku: Project Mirai DX, in Italia dall’11 settembre

hatsune miku project mirai cover

Koch Media e SEGA Europe annunciano un inaspettato lancio italiano per l’attesissimo Hatsune Miku: Project Mirai DX, il nuovo gioco dedicato ai VOCALOID esclusivo per Nintendo 3DS: il prossimo 11 settembre potremo mettere le mani su un’esclusiva edizione di lancio in formato retail che includerà 19 carte per la realtà aumentata. Tutti i dettagli nel comunicato stampa che trovate di seguito.

HATSUNE MIKU: PROJECT MIRAI DX SARA’ DISPONIBILE A SETTEMBRE CON UN’EDIZIONE DI LANCIO SPECIALE

MILANO – 19 Maggio, 2015Hatsune Miku™: Project Mirai DX, l’unico  rhythm game 3D sviluppato esclusivamente per il sistema Nintendo 3DS™sarà lanciato l’8 Settembre in Nord America e l’ 11 Settembre in Europa,  rispettivamente da SEGA® of America, Inc. e SEGA® Europe, Ltd. Il gioco sarà disponibile nei negozi, in versione fisica, in versione digitale sul Nintendo eShop per Nintendo 3DS. Tutte le copie del gioco includeranno 19 Cards bifacciali in realtà aumentata (AR) che mostrano passi di danza e costumi aggiuntivi.

In collaborazione con Good Smile Company, celebre azienda di action figure giapponese, Hatsune Miku: Project Mirai DX presenta Miku e tutti i suoi amici in stile action figure Nendoroid. Il gioco contiene 48 versioni integrali delle canzoni preferite dai fan, i giocatori potranno sfidare se stessi cercando di sintonizzarsi sul ritmo in “Modalità Touch” e in “Modalità Button”,  entrambe con livelli multipli di difficoltà, che possono essere ulteriormente aumentati attraverso le sfide e gli oggetti di supporto.

Ma il rhythm game è solo una componente di Hatsune Miku: Project Mirai DX – i giocatori possono inoltre personalizzare un appartamento virtuale per il loro personaggio Miku preferito con decorazioni, oggetti stagionali e molto altro. Il Mirai Theater ha la funzione di replay per permettere ai giocatori di riguardare i propri video preferiti e di aggiungere dei commenti a scorrimento. Dirigete coreografie inimitabili provando nuove mosse nel Dance Studio e componete nuove canzoni in modalità My Tune. Queste informazioni possono essere condivise, attraverso delle Profile Cards personalizzabili, via StreetPass™ e tramite SpotPass™.

Hatsune Miku: Project Mirai DX sarà disponibile dall’11 Settembre in Europa in versione fisica e digitale sul Nintendo eShop.  Per maggiori informazioni sul gioco, visita www.sega.com.

A proposito di Hatsune Miku

Hatsune Miku è il futuristico software di sintetizzazione vocale che è stato progettato per consentire agli utenti di creare facilmente delle selezioni vocali partendo da zero unicamente entrando in una melodia. Il software musicale è stato sviluppato da Crypton Future Media ed è stato pubblicato, per la prima volta,il 31 agosto 2007. Dopo la sua uscita, Hatsune Miku si è rapidamente evoluto in un fenomeno di cultura cibernetica ad alta partecipazione con la creazione e condivisione in tutto il mondo di contenuti legati al gioco. Allo stato attuale, con più di 1.000.000 di artwork derivati e 100.000 brani realizzati dagli utenti, Hatsune Miku non è solo l’icona di una community creativa in continua espansione, ma è anche la star di concerti 3D che hanno fatto il sold-out in tutto il mondo e protagonista di spot televisivi come Toyota USA e Google.

Il sito web si trova all’indirizzo http://piapro.net/

AGGIORNAMENTO: SEGA diffonde le prime immagini dell’edizione di lancio, che comprenderà anche un wallet chain oltre alle carte, nonché una serie di prime screenshot per l’edizione localizzata. Gustiamocele di seguito!

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.