Space Invaders Forever – Recensione

Il classico Space Invaders torna alla ribalta grazie a SPACE INVADERS FOREVER, raccolta disponibile su PlayStation 4 e Nintendo Switch

Space Invaders Forever

Space Invaders è probabilmente il titolo più conosciuto del panorama videoludico di sempre, e grazie a Space Invaders Forever torna a farsi sentire con uno stile al passo con i tempi e tante modalità di gioco alternative. Classe 1978, Space Invaders è stato sicuramente uno dei titoli più influenti nel mondo dei videogiochi, capace di creare leggende metropolitane dietro alla sua uscita, che parlano di una diffusione talmente rapida e coinvolgente, da aver visto il Giappone in difficoltà, nei primi anni di vita del gioco, per la carenza di monetine da 100 yen usate per giocare nelle sale giochi. Per chi non lo conoscesse, Space Invaders è quel videogioco iconico dove bisogna tentare di fermare un’invasione aliena durante il tentativo di atterraggio sulla Terra, comandando una semplice astronave in diversi schemi verticali, dove si si può muovere solo orizzontalmente e sparare verso l’alto.

Space Invaders Forever è un ennesimo remake di questo grande titolo che Taito e ININ Games hanno deciso di riportare anche sulle console di attuale generazione, modernizzando lo stile di gioco, la grafica ed il sonoro, di un fenomeno fuori tempo. Abbiamo avuto modo di giocare la versione per Nintendo Switch del titolo e, console alla mano, la schermata di gioco iniziale si apre con tre diverse versione del gioco: Space Invaders Extreme, Space Invaders Gigamax 4 SE e Arkanoid vs Space Invaders.

Space Invaders Forever

  • Titolo: Space Invaders Forever
  • Piattaforma: PlayStation 4, Nintendo Switch
  • Versione analizzata: Nintendo Switch (EU)
  • Genere: Shoot’em up
  • Giocatori: 1-4
  • Publisher: ININ GAMES
  • Sviluppatore: TAITO
  • Lingua: Italiano (testi)
  • Data di uscita: 11 dicembre 2020
  • Disponibilità: retail, digital delivery
  • DLC: nessuno
  • Note: all’interno della raccolta potremo trovare tre capitoli dedicati al franchise

Abbiamo recensito Space Invaders Forever con un codice Nintendo Switch fornitoci gratuitamente da ININ GAMES.

Space Invaders Extreme

Andando per ordine, il primo titolo che incontreremo sarà Space Invaders Extreme, una versione rivista e modernizzata del classico di Taito, già uscita come remake nel 2008 per il trentennale del capostipite di questa serie, e riproposta in questo Space Invader Forever. Si tratta del classico Space Invaders, ma con alcune aggiunte che mirano a modernizzare il gameplay, oltre che l’impianto audiovisivo del gioco. Avremo modo di affrontare sia una modalità Arcade che una modalità gioco libero, molto utile per il giocatore alle prime armi che deve prendere dimestichezza con il gioco.

La modalità Arcade infatti ci porterà su una griglia di livelli dalla difficoltà sempre maggiore e dalla procedura piramidale, dove in base al nostro punteggio finale, avremo accesso a diverse strade sbloccabili, premiando l’abilità del giocatore più esperto ed abile, aumentando il livello di sfida generale mano a meno che si procede con la partita, ma allo stesso tempo, senza influenzare troppo il giocatore novello che sentirà comunque un crescendo di difficoltà nella avventura, seppur in maniera lieve.

Il gameplay è pressoché invariato da quello base di Space Invaders, dove, come dicevo nelle prime righe di questa recensione, dovremo abbattere le navicelle aliene prima che arrivino a terra, evitando i loro colpi. Ci saranno però diversi potenziamenti, che serviranno ad aumentare la nostra potenza di fuoco od a cambiare drasticamente il nostro arsenale per un breve lasso di tempo. E anche in questo caso, l’abilità del giocatore verrà premiata, in quanto ci saranno alcune astronavi particolari che passeranno di rado nella parte alta dello schema, che una volta eliminate, daranno accesso a livelli bonus o potenziamenti e punti extra.

Space Invaders Extreme

I vari livelli sono formati da un diverso numero di ondate di nemici, che cresceranno sia di difficoltà che di numero man mano che procederemo con la partita, e che una volta terminate daranno accesso ad una boss fight, ovvero con lo scontro con un’astronave decisamente più importante e difficile da sconfiggere. Una volta finita quella che potremmo definire la prima run del gioco, ci verrà sbloccata anche una seconda strada alternativa, che offre la possibilità di giocare gli stessi livelli, ma leggermente modificati e più frenetici.

Space Invaders Gigamax 4 SE

Per i giocatori più classici e nostalgici, questa collezione di titoli offre la possibilità di giocare a Space Invaders Gigamax 4 SE, un rifacimento in salsa moderna del classicissimo Space Invaders. A differenza di Space Invaders Forever infatti, questo Gigamax 4 SE porta il giocatore ad affrontare gli schemi classici del capostipite della saga, con qualche tonalità più sgargiante e qualche musica rivisitata per l’occasione, ma rimanendo il più fedele possibile alle invasioni aliene classiche.

La vera novità di questo Space Invaders Gigamax 4 SE è nel comparto multiplayer. Questa avventura infatti è stata pensata per condividere con gli amici le sparatorie aliene rendendo davvero molto più godibile quest’esperienza. Se giocato in single player infatti, questa versione del titolo di Taito non regalerà un’esperienza indimenticabile, al contrario, regalerà lunghi livelli da affrontare, talvolta molto simili tra loro e difficili da portare a termine.

Space Invaders Gigamax 4 SE

Esperienza che cambia drasticamente giocando anche solo con un amico, con il quale si potrà sbloccare i colpi potenziati, e velocizzare nettamente la risoluzione di schemi e boss fight, rendendo molto più piacevole questa variante del titolo. Il comparto multiplayer dell’intera collezione di titoli tuttavia, non ci ha soddisfatto pienamente, in quanto ci saremmo aspettati di poter giocare Gigamax anche online, con amici, mentre è possibile solamente giocare offline condividendo i Joy-Con o i controller.

Arkanoid vs Space Invaders

Arkanoid vs Space Invaders è forse il più particolare dei tre titoli presenti in questa collezione e che ci darà modo di giocare ad un porti del titolo uscito per dispositivi mobile nel 2017 e che, come suggerisce il nome, ci darà modo di giocare ad un ibrido tra i due titoli. La formula del gioco è molto semplice, dovremo affrontare diversi livelli procedurali, affrontando la minaccia dell’invasione aliena e allo stesso tempo, distruggendo i mattoncini come nel più classico degli Arkanoid, ovvero colpendo i nemici con gli stessi proiettili che ci manderanno.

Per rendere il gioco più movimentato e appagante per il giocatore, verranno messe a disposizione diverse abilità uniche che, una volta caricata l’apposita barra, potremo usare per eseguire una mossa più potente, capace di farci finire lo schema in molto meno tempo. La versione di questo porting su Nintendo Switch sfrutta a pieno le potenzialità dello schermo touch della console ibrida, dandoci la possibilità di giocare al titolo muovendo la nostra astronave con il movimento del dito, ma non ci permette di giocare ad Arkanoid vs Space Invaders restando attaccati alla TV in quanto non è prevista una modalità con i controlli classici.

A chi consigliamo Space Invaders Forever?

Consigliamo Space Invaders Forever a tutti coloro che cercano un tuffo nel passato semplice, ma ben fatto, con un livello di sfida che si adatta bene alle esigenze di ogni giocatore, lasciando ampio margine di miglioramente anche ai giocatori inesperti che avranno modo di migliorarsi con il tempo e con la pratica, senza tuttavia, rovinare l’esperienza di chi invece, è abituato a questa tipologia di giochi e cerca una sfida impegnativa.

Space Invaders Gigamax 4 SE

Se avete un gruppo di amici con cui condividere questa esperienza videoludica, inoltre, ne riceverete ancora più soddisfazione, in quanto una parte del gioco è decisamente molto più godibile e appagante se giocata in compagnia, piuttosto che in single player. Tuttavia, almeno per la versione Nintendo Switch, ci sarebbe piaciuto aver modo di giocare il terzo titolo della collezione, Arkanoid vs Space Invaders, anche con la console in modalità docked, per ampliare ancora di più la gamme di offerte di questa raccolta.

  • Un tuffo nel passato attualizzato ed accattivante
  • Una colonna sonora elettrizzante (soprattutto nella sezione extra)
  • Offerta videoludica sia singole player che cooperativa..

  • …Tuttavia penalizzante se giocata solo in solitaria
  • Una modalità TV rivisitata di Arkanoid vs Space Invaders avrebbe aumentato il prestigio di questa raccolta
Space Invaders Forever
2.7

Una collezione interessante ma che poteva osare di più

Space Invaders Forever è un’interessante raccolta di tre titoli che riportano alla luce un videogioco storico come Space Invaders, offrendoci una variegata scelta di stili con cui affrontare questo ritorno e regalando momenti di svago per diversi gusti videoludici. Tuttavia, non tutti e tre i titoli presenti nella collezione offrono al giocatore questa ventata di novità e di freschezza che avremmo voluto vedere sulle nostre console, rimanendo di fatto dei semplici porting di titoli già usciti su altre piattaforme. Quindi, a meno che non siate dei grandi fan di Space Invaders, vi consiglio di valutare l’acquisto solo se non avete mai messo mano ad alcuni di questi titoli o se volete provare un’esperienza nuova..e purchè abbiate amici che vogliono condividere con voi i Joy-Con per potervi godere appieno anche Gigamax 4SE.

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Videogiocatore e lettore compulsivo dai tempi del Game Boy, di Dragon Ball e della prima PlayStation. Attualmente scrive di entrambi, apprezzando molto il retrogaming e i fumetti di una volta, ma con moltissima curiosità per quelle che sono le novità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*