Disgaea 6: Defiance of Destiny – La nostra prova prima della recensione

Uno zombie alla conquista del Netherworld. Le nostre impressioni sulla demo del nuovo capitolo di Disgaea, in arrivo su Nintendo Switch il prossimo 29 giugno

Disgaea 6: Defiance of Destiny – La nostra prova prima della recensione

Disgaea 6: Defiance of Destiny è il nuovo capitolo dell’apprezzatissima saga in arrivo in Europa il prossimo 29 giugno, in esclusiva su Nintendo Switch. La serie di Disgaea è forse una delle opere più conosciute di Nippon Ichi Software. Nel corso degli anni, nonostante qualche piccolo scivolone di percorso, i vari capitoli hanno sempre riscosso un buon successo fra pubblico e critica. In particolar modo gli ultimi capitoli hanno innalzato notevolmente la qualità della serie, che proprio con Disgaea 5: Alliance of Vengeance ha toccato forse uno dei punti più alti della saga, salvandola da un destino che ne voleva la cancellazione. Nonostante gli esiti favorevoli, i progetti su un nuovo capitolo di Disgaea sono stati parcheggiati momentaneamente per permettere sia una riorganizzazione delle idee, oltre che per sistemare una situazione finanziaria non proprio rosea nella quale navigava la stessa Nippon Ichi Software.

Questo lungo lasso di tempo ha permesso alla software house giapponese di ripubblicare versioni aggiornate e complete dei vari capitoli di Disgaea, allargando il ventaglio di piattaforme sulle quali la serie è disponibile (vedi PC, Switch o gli esperimenti mobile). Oggi, a distanza di sei anni dall’ultimo capitolo, siamo pronti nuovamente ad avventurarci nel sesto episodio dell’iconica serie strategica a turni, fatta di demoni, creature non morte e tante risate.

Nell’attesa che Disgaea 6: Defiance of Destiny arrivi sulle nostre console a fine mese, abbiamo messo le mani sulla demo che è stata resa disponibile su Nintendo Switch e siamo pronti a darvi le prime impressioni sui due capitoli presenti in questa versione dimostrativa, che tra le altre cose vi permetteranno di portare i progressi fatti nel gioco completo.

Disgaea 6: Defiance of Destiny – La nostra prova prima della recensione

Vogliamo però iniziare questa analisi partendo dal fondo, dal comparto tecnico di Disgaea 6. Il primo cambiamento che salta subito all’occhio rispetto al passato lo troviamo in un rinnovato stile grafico che vede il debutto di modelli 3D anche per i protagonisti e le varie unità del gioco. Una scelta che non suona come una rottura troppo netta con il passato, ma un cambio di rotta per adattare il “vecchio” stile a qualcosa di più contemporaneo, abbandonando i vecchi “sprite” (rigorosamente pixellosi e in bassa qualità) per modelli poligonali più dettagliati ed animati. Migliorano quindi alcune cutscene, e i filmati delle mosse speciali, ma questo sembra aver gravato in maniera incisiva sul motore di gioco, che essendosi trovato a gestire una mole maggiore di dati, si mostra in difficoltà sulla console Nintendo, che al netto delle impostazioni base vede una vistosa perdita di fluidità nelle animazioni dei personaggi e in generale delle varie azioni di gioco.

Consci di questo i programmatori hanno inserito un paio di preset grafici che aiutano i giocatori a trovare il giusto compromesso fra risoluzione e frame rate. Se la “Graphics Mode” offre la miglior resa visiva a discapito di un bassissimo frame rate, selezionando la modalità Performance la situazione si ribalta, riducendo la risoluzione ma guadagnandone sicuramente in fluidità. A mediare la situazione ci pensa però una ben più concreta opzione “bilanciata” che come suggerisce il nome permette di godersi il gioco nella miglior condizione possibile. La risoluzione sarà sì più bassa del settaggio “graphics” ma permetterà di non perdere troppo dettaglio nella grafica, evitando così quell’effetto impastato che si avrà con l’abbassamento del numero di pixel a video, guadagnandone pure in fluidità.

Nel complesso però almeno in un primo momento il passaggio a personaggi e nemici tridimensionali non ci ha impressionato più di tanto, o meglio non aggiunge nulla di nuovo a quanto eravamo abituati in passato, facendoci ragionare sul fatto che forse sarebbe stato meglio migliorare la componente 2D, magari svecchiando la parte visual novel, ancora fin troppo statica, relegata a portare avanti la narrativa fra una missione e l’altra.

Questi due primi capitoli presenti nella demo si presentano ai giocatori in maniera abbastanza classica, un grande tutorial che spiega le basi e il funzionamento dei turni di attacco, introducendoci man mano i vari elementi di gioco, dalla gestione delle unità alle feature da sempre presenti nel gameplay come il lancio di oggetti e personaggi per raggiungere le zone elevate, all’uso delle combo o gli attacchi di gruppo che coinvolgono più unità, o la gestione dei Geo Panel, aree speciali della mappa che presentano modificatori unici a seconda di quale casella ci troveremo ad occupare.

Fa il suo ritorno in questo sesto capitolo anche la Dark Assembly, opzione di gioco che ben si radica all’interno del gameplay e che permette di modificare diversi elementi come la difficoltà del gioco, l’esperienza ricevuta dalle battaglie, ottenere l’accesso a nuove sottoclassi e tanto altro ancora, in una meccanica che, combinata al Cheat Shop (un’altra serie di parametri modificabili), punta tutto sulla personalizzazione in base ai gusti del giocatore.

Disgaea 6: Defiance of Destiny – La nostra prova prima della recensione

La demo ci permette di avere un assaggio anche di due grosse novità introdotte in questo capitolo: un rinnovato sistema di leveling dei personaggi e la Super Reincarnation. Mentre in passato a ricevere punti esperienza erano solo i personaggi del party che eseguivano un colpo mortale sui nemici, adesso, in Disgaea 6, gli XP verranno gestiti tra tutti i membri del party scesi in campo. Questa semplificazione però non deve essere vista come un addolcimento del sistema di combattimento ma va compresa in un’ottica più grande che coinvolge la già citata Super Reincarnation. Da sempre presente all’interno della serie, nel corso dei giochi la Reincarnazione ha assunto diverse declinazioni all’interno delle dinamiche di Disgaea.

In questa versione “Super” presente in Disgaea 6, ogni personaggio può essere “ucciso” e reincarnato più volte resettandone il livello, ma guadagnando incrementi alle statistiche e alle abilità. Questo vi porterà ad eseguire spesso diversi reset ripartendo dal livello 1, ma con personaggi molto più potenti che in passato. Inoltre, pure il level cap del gioco viene adeguato di conseguenza alle novità introdotte (nuovo sistema di esperienza e la super reincarnazione) superando il già ambito 9999 per raggiungere l’impensabile lv 99.999.999.

Altra grossa novità di Disgaea 6 la troviamo nell’introduzione dell’Auto-Battle, che tramite la pressione di un tasto affiderà lo scontro alla CPU, che si occuperà di sconfiggere i nemici al posto nostro. Personalizzabile in alcune routine, l’Auto-Battle si rivela un’aggiunta che potrebbe dare maggiori soddisfazioni non tanto durante la run legata alla storia, nella quale spesso è bene agire di mano propria nella scelta dei nemici e dell’ordine in cui attaccarli, quanto nel farming e nelle attività collaterali come l’Item World, una serie di dungeon randomici fondamentali proprio per il potenziamento della nostra squadra.

Purtroppo però la demo si conclude sul più bello, e per ovvi limiti legati alle tempistiche di questa versione non è possibile scorgere le possibilità offerte dalle novità introdotte in questo capitolo, che richiedono ben più delle tre ore della demo per essere scoperte e comprese a dovere. Per quanto riguarda la storia, Disgaea 6 ripropone agli occhi dei giocatori il classico canovaccio della serie, un misto fra dramma e commedia demenziale che negli anni ha saputo conquistare il cuore dei giocatori, proprio per le sue facili risate e il carisma magnetico dei suoi protagonisti.

In questa nuova avventura accompagneremo Zed, un ambizioso non morto il cui scopo sarà quello di eliminare il temibile dio della distruzione, diventando così il più forte dell’intero Netherworld. Nella demo faremo anche la conoscenza di Cerberus, un cane zombie che svolge le veci di aiutante di Zed, una sorta di grillo parlante che lo guiderà nella sua missione suicida. Già da questi primi momenti è chiaro come siano stati scritti i due personaggi, il primo svogliato e smemorato, l’altro bacchettone e poco incline agli sgarri, dinamica che spesso sarà la miccia per l’inizio di simpatici siparietti comici fra i due e gli altri personaggi del gioco. Sebbene sia presto per trarre qualche conclusione per quel che riguarda la storia e l’efficacia del racconto, possiamo dire che alla fine della demo siamo rimasti con la curiosità di scoprire come evolverà la trama, che speriamo sappia riservarci più di una sorpresa rispetto a un epilogo che già ci viene accennato proprio ad inizio gioco.

Disgaea 6: Defiance of Destiny – La nostra prova prima della recensione


Disgaea 6: Defiance of Destiny debutterà in Europa in esclusiva su Nintendo Switch dal prossimo 29 giugno. Nel frattempo potere scaricare e provare con mano la demo gratuita sull’eShop, che comprende i primi due capitoli e la possibilità di importare il “save” nel gioco completo una volta disponibile. Fateci sapere cosa ne pensate!

Zed è uno zombi vanitoso che sguazza sul gradino più basso della scala di Netherworld insieme a sua sorella Bieko. Quando un Dio della Distruzione minaccia il loro modo di vivere, Zed deve sfruttare la sua abilità unica di Super Reincarnation per resistere alla minaccia che si avvicina. Lungo la strada, si unirà ai contorti e colorati abitanti degli Inferi, affronterà diverse sfide e capirà se anche un teppista immortale come lui può sfidare le probabilità!​

Disgaea 6: Defiance of Destiny unisce una storia cupa ma toccante con un combattimento tattico folle, introducendo elementi di gioco mai visti prima nei capitoli precedenti. Di conseguenza, sia i giocatori nuovi che quelli di vecchia data possono affrontare un viaggio davvero memorabile e unico nel Netherworld. Porta il tuo dolore in battaglia con attacchi speciali e supporto da una pletora di unità alleate. Impostazioni personalizzabili come Auto, Riprova e Replay consentono ai giocatori hardcore e occasionali di combattere seguendo il proprio stile. E se le cose dovessero prendere una brutta piega, usa Super Reincarnation per ritornare in azione e continua a provare finché non ci riesci. Questo è davvero un Netherworld adatto a tutti.

Acquista Disgaea 6: Defiance of Destiny per Nintendo Switch seguendo questo link al prezzo di 48,70 €. Disponibile dal 29 giugno 2021. Sostieni Akiba Gamers acquistando il gioco su Amazon attraverso questo link!

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Dopo anni passati fra videogiochi, anime e serie TV sente ancora il bisogno di dire a tutti la sua su qualsiasi cosa. Anche se in realtà nessuno gli ha mai chiesto di farlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*