Travis Strikes Again: No More Heroes annunciato per Switch

No More Heroes per Nintendo Switch / Travis Strikes Again: No More Heroes

Grasshopper Manufacture, in collaborazione con Marvelous! Shirogumi ha annunciato ufficialmente Travis Strikes Again: No More Heroes, in arrivo nel corso del 2018 in esclusiva su Nintendo Switch.

Dopo averci fatto aspettare dallo scorso gennaio con un teaser, di cui già vi abbiamo parlato, possiamo finalmente scoprire i primi dettagli sul nuovo titolo diretto dal maestro Goichi “Suda51” Suda. Il gioco combina in una miscela unica lo stile tipico della saga con una serie di collaborazioni con i più importanti sviluppatori indie. L’unica collaborazione che è stata rivelata al pubblico è quella con Dennaton Games, casa di sviluppo svedese che ha dato alla luce i due capitoli di Hotline Miami.

La trama è ambientata sette anni dopo gli eventi di No More Heroes, con un The Bad tornato sulle scene per riscuotere la sua vendetta nei confronti di Travis Touchdown, reo di aver ucciso sua figlia Bad Girl. Nell’esatto instante in cui inizia la battaglia, i due uomini vengono interrotti da una misteriosa console per videogiochi fantasma chiamata Death Drive Mark II. Come nei precedenti capitoli l’unico modo per sopravvivere sarà quello di superare i livelli creati in stile punk-rock, in modo da completare i sei giochi presenti sconfiggendo tutti i boss.

Vi lasciamo ora con il trailer di annuncio dedicato al gioco. Buona visione!

Travis Strikes Again: No More Heroes – Trailer di annuncio

Fonte: Grassoppher Manufacture via Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
ProngedLeaf
Ha sconfitto Cortex prima ancora di cominciare a parlare. Ama i videogiochi a 360 gradi, ha un canale YouTube dove si diverte a mettersi in ridicolo e continua a farsi bullizzare dalla PC master race perché è nato e morirà console gamer.