Pokémon: preparatevi a lanciare PokéBall contro lo schermo

Pokémon: preparatevi a lanciare PokéBall contro lo schermo

BANDAI NAMCO Entertainment ha lanciato in Giappone un nuovo titolo per cabinati arcade dedicato al franchise di Pokémon, che ha la particolarità di permettere ai propri utenti di lanciare le iconiche sfere rosse e bianche contro lo schermo (occhio a non spaccare tutto) per catturare i celeberrimi mostri di casa Nintendo.

Questo Pokémon Mega Get è caratterizzato dalla presenza di tre livelli, ciascuno con la propria ambientazione caratteristica, che dovremo selezionare lanciando una prima PokéBall. Dopodiché dovremo affidarci alla scelta del nostro partner, che potrà spaziare fra gli starter della sesta generazione: Chespin, Fennekin e Froakie.

Il passo successivo è, chiaramente, quello di lanciare quante più sfere possibili nel tentativo di catturare il maggior numero di Pokémon fra quelli che compariranno sullo schermo, fino allo scadere del tempo limite. Una volta portata a termine la nostra partita, verremo ricompensati con una delle 24 carte collezionabili e, se otterremo un discreto punteggio, ci verrà offerta la possibilità di catturare Pokémon leggendari del calibro di Mega Rayquaza. Di seguito vi mostriamo un video di gameplay ripreso dal livello marino, assieme ad alcune immagini provenienti dal sito ufficiale. Nella speranza di poterci giocare al più presto, buona visione!

pokemon-mega-get-arcade-01 pokemon-mega-get-arcade-02 pokemon-mega-get-arcade-03

Fonte: BANDAI NAMCO Entertainment via Siliconera

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Alessandro Semeraro
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.